Ospite all'Istituto 'Ulpiani' la scuola polacca di Zloczew in visita nelle Marche

Si è conclusa all'Istituto Alberghiero "C.Ulpiani" di Ascoli Piceno con un ricco buffet l'esperienza formativa della scuola polacca di Zloczew in visita nelle Marche all'interno del progetto europeo denominato “Insieme ci prendiamo cura del nostro pianeta “ con un incontro istituzionale a cui ha preso parte l’assessore regionale alle Politiche Comunitarie Guido Castelli accompagnato dal Dirigente del Settore Programmazione Risorse Comunitarie (Regione Marche) Giuseppe Serafini e dallo EUROPE DIRECT Regione Marche.

"Sono molto contenta che gli studenti della mia scuola abbiano avuto l'opportunità di andare in Italia, dove hanno appreso la storia, le tradizioni e la cultura della regione Marche ha dichiarato la dirigente scolastica Anna Jagieła di Zespół Szkolno-Przedszkolny in Złoczew. Sono tornati pieni di impressioni, deliziati dall'ospitalità e dall'apertura degli italiani. Hanno acquisito nuove esperienze e amicizie. Lavorare insieme su un progetto ecologico ha ampliato la loro conoscenza delle questioni ambientali e ha ampliato le loro abilità linguistiche. Oggi sono felici di condividere le loro esperienze di viaggio con altri studenti della nostra scuola e di diffondere le competenze acquisite".

Soddisfatti anche i ragazzi come sostengono gli studenti Nikola e Szymon: "I sentimenti per il viaggio sono positivi perché abbiamo conosciuto la cultura di un altro paese, migliorato la lingua inglese, e conosciuto tante persone, tra cui Olimpia, che è una persona meravigliosa e disponibile. Avevamo molte attrazioni e non c’era tempo per annoiarsi. Gli studenti italiani ci hanno accolto molto calorosamente. Erano gentili e amichevoli. È stato divertente lavorare in gruppo con gli italiani".

Alceste Aubert european project manager riferisce che l’esperienza progettuale è anche stata occasione per i giovani ospiti di visitare e apprezzare tante bellezze artistiche, monumentali e paesaggistiche delle Marche, oltre che approfondire la conoscenza della lingua italiana e gustare le prelibatezze culinarie della nostra terra.

Articolo da Picenotime.it, click qui per l'originale